Trasformazione nella procedura Semplificata, quali sono i casi contemplati ?

Nell’Allegato Sub B della DD QI/1746/2020 (pag 2), da compilare a carico del Tecnico e del Cittadino che vuole avvalersi della procedura di Affrancazione Semplificata, in riferimento all’immobile sul quale si intende effettuare la procedura, è necessario spuntare una o più tra le seguenti dichiarazioni:

[OMISSIS]

  • già oggetto di istanza di affrancazione del richiedente presentata in data…………….…………. prot. Dipartimento Pianificazione Attuazione Urbanistica QI…………………………………………..
  • non oggetto di precedente istanza di affrancazione;
  • ricadente in uno dei Piani di Zona in Trasformazione da diritto di superficie in diritto di piena proprietà (https://www.comune.roma.it/web/it/scheda-servizi.page?contentId=INF40326) ed in particolare per l’unità immobiliare in oggetto è stato stipulato l’atto in piena proprietà (allegare copia dell’Atto di Trasformazione);
  • non ricadente nei Piani di Zona in Trasformazione da diritto di superficie in diritto di piena proprietà
  • su cui è già stata presentata istanza di trasformazione da diritto di superficie in diritto di piena proprietà per il medesimo immobile ed ha versato il relativo corrispettivo e se ne chiede, pertanto, l’articolazione e la trattazione unitaria.

Le prime 2 opzioni riguardano la presenza o meno di una pratica di Affrancazione già presentata sullo stesso immobile.

Le successive 3 opzioni riguardano il legame dell’immobile con una eventuale pratica di Trasformazione e più in generale con il regime di Diritto di Proprietà. A riguardo facciamo notare che il Comune contempla solamente i casi in cui il Piano di Zona non sia Trasformabile (punto 4 di 5), sia già stato trasformato (punto 3 di 5) oppue sia stata presentata istanza al Comune, siano stati ricevuti i calcoli dallo stesso e sia già stato effettuato il pagamento (punto 5 di 5). Non è previsto il caso in cui il calcolo del corrispettivo lo esegua il Tecnico e quindi la presentazione contestuale della domanda di Affrancazione Semplificata con quella di Trasformazione a conferma che quest’ultima deve essere effettuata in maniera indipendente ed attraverso la procedura “normale”.

Aggiornamento FAQ Comune di Roma aggiornata in dato 25/02/2021

La presentazione della domanda di Trasformazione da diritto di superficie in diritto di piena proprietà può avvenire contestualmente alla presentazione dell’istanza di Affrancazione con la procedura Semplificata Asseverata?

No, l’istanza di trasformazione è una istanza autonoma, pertanto va presentata in modo separato dal proprietario dell’immobile. Tuttavia nel presentare l’istanza di Affrancazione con la Procedura Semplificata Asseverata è possibile, nell’Allegato Sub B –pag.02, su richiesta dell’interessato la trattazione unitaria (Atto Unico), soltanto nel caso in cui sia stata già presentata istanza di Trasformazione da diritto di superficie in diritto di piena proprietà per il medesimo immobile e sia stato versato il relativo corrispettivo.

Ovviamente non c’è nessun motivo tecnico che impedisce la presentazione delle due domande contestualmente è solo fatto per rubare più soldi al cittadino in quanto, di fatto si obbliga il cittadino a preferire la pratica di Affrancazione perchè può essere effettuata in maniera semplificata e quindi più veloce anzichè scegliere la strada della Trasformazione.

 

 

Assistenza Affrancazione/Trasformazione, Tecnici, Notai, Legali, Procedura Semplificata

 

 

Precedente Affrancare o Trasformare, come decidere e quali elementi tenere in considerazione ? Successivo Commissione VIII Urbanistica congiunta con Commissione I Bilancio- 11/01/2021 Seguite dal min 9 al 23