CAUSA AFFRANCAZIONE NON DOVUTA – Promossa dal Comitato di Quartiere di Torraccia

CAUSA AFFRANCAZIONE NON DOVUTA – Promossa dal Comitato di Quartiere di Torraccia

Rivolta a chi negli anni han trasformato il diritto di superficie in diritto di proprietà delle costruzioni costruite in convenzione edilizia agevolata e richiede l’accertamento e il riconoscimento dell’eliminazione di tutti i vincoli sull’immobile compreso il diritto di affrancazione –> Chi trasforma non deve affrancare e che trasformando a convenzione scaduta l’appartamento è libero da ogni vincolo compreso il PMC.

AGGIORNAMENTO – 26/02/2019

Domani 27 c’è quella che dovrebbe essere l’ultima udienza. Il 17 gennaio era stata depositata dai nostri legali una ulteriore memoria volta a dimostrare la differenza di interpretazione data dall’avvocatura romana in un altro procedimento, totalmente opposta e in contraddizione con quanto stanno sostenendo nel nostro procedimento.
Domani il giudice tratterrà la causa in decisione e in questi caso si calcola circa un mese per la sentenza, o potrebbe direttamente decidere. Rimane ancora la questione sollevata dal comune che ha chiesto al giudice di dichiararsi incompetente in quanto secondo loro la competenza sarebbe del Tar. Noi, supportati da molti fatti e dal parere dei nostri legali crediamo che invece il giudice sia competente e che dichiarerà tale anche perché allora avrebbe potuto evitare 3 udienze e chiudere la questione prima spostando tutto al Tar.
Ma la questione è borderline, quindi non escludiamo nulla.
Se passa la nostra tesi significa che chi trasforma non deve affrancare e che trasformando a convenzione scaduta l’appartamento è libero da ogni vincolo compreso il pmc.
A settembre comunque ne abbiamo un altra gemella e a maggio ce ne é un altra simile organizzata da Tiziana Alfano.
Avanti tutta.

AGGIORNAMENTO – 18/04/2019

Il primo ricorso si è concluso per ora con la dichiarazione di “non competenza” del giudice civile. Stiamo valutando se fare ricorso in appello o riproporre il quesito al tar. La materia è bordeline… Tra civile e amministrativo anche se rimaniamo convinti che sia di competenza civile per come è stato proposto.
Ne abbiamo un’altra in discussione a settembre in cui il giudice potrebbe disporre diversamente. Stiamo valutando il da farsi, a breve appena avvisati tutti i ricorrenti, pubblicheremo la sentenza con le iniziative decise.
Tra pochi giorni abbiamo un incontro con i nostri avvocati, civilisti e amministrativisti per fare il punto.
Sono previste altre iniziative, presto vi faremo sapere.
Vi aggiorneremo.

Precedente Memoria Senatore Grassi al convegno "L'Art. 25 undecies della Legge 136/2018: Rilievi critici e profili di incostituzionalità" Successivo Causa per affrancazione non dovuta e altre iniziative - 3 maggio alle ore 18.00 in via Menichella nr. 168 zona Torraccia