I Valori Venali…il lupo perde il pelo ma non il vizio…

Della serie “Il lupo perde il pelo ma non il vizio”: C’è una sentenza ( Sentenza Commissione Tributaria 7334 2015 scaricabile QUI) della Commissione Tributaria Regionale che ha ritenuto illegittima la stima del valore venale di un terreno edificabile adottato dal Comune di Roma per un accertamento ICI sulla base del c.d. “metodo della trasformazione” che, guarda caso, è proprio quello utilizzato per le stime approvate con la Deliberazione 40/2016. Nella stessa sentenza della Commissione Tributaria viene invece indicato il “metodo sintetico” (guarda caso proprio quello suggerito da FormezPA) come più adatto. Ora c’è da chiedere per quale motivo il “gruppo di esperti” abbia continuato ad utilizzare un metodo che già aveva portato il Comune di Roma a perdere un contenzioso anche per la stima del valore venale per la Trasformazione/Affrancazione invece di quello suggerito e dettagliatamente descritto in un documento di FormezPA appositamente preparato per dare supporto alle Amministrazioni Comunali per questo tipo di materia?

Non contenti di quanto già avvenuto si vuole per forza giungere ad altri contenziosi?

Non ci si rende conto che puntare troppo in alto per far cassa, alla fine diventa un boomerang contro la stessa Amministrazione Comunale che, pur incassando inizialmente qualcosa in più (anche perché in parecchi con corrispettivi troppo alti decideranno di non procedere), si potrebbe poi trovare a dover restituire le maggiori somme, probabilmente incassate non del tutto legittimamente?

Ai posteri l’ardua sentenza …

Non molleremo MAI !

 

Nota: Se la sentenza facesse giurisprudenza ci sarebbe da rotolarsi per terra dalle risate, infatti stabilisce che per i calcoli, ammesso e non concesso che sia corretto usare il metodo analitico (presumo che sia questo quello che intendono per “metodo della trasformazione”), bisogna usare come riferimento i valori commerciali medi effettivamente rilevati nella zona, non i massimi ipotizzabili. E, grazie alla genialità degli esperti del comune, questi valori hanno avuto ormai un crollo catastrofico, quindi ad oggi la stima del comune sarebbe basata su valori non solo errati per principio, ma ormai obsoleti e non corrispondenti a quelli attuali.

Qui l’email inviata al comune (QUI)

 

 

Precedente Lettere all'uffico per i Rapporti con i Cittadini (Gabinetto della Sindaca) del Comune di Roma Successivo Intervista Marcello De Vito - 25/5/2017